METEO.IT
              

METEO.IT

INFORMAZIONI SULLA CARNE

Tagli

Come scegliere la carne


La seguente tabella riporta alcuni criteri che influenzano la qualità organolettica della carne e che puoi trovare sull’etichetta solo se viene applicato un sistema di etichettatura volontaria come quello di Asprocarne Piemonte:

La Razza o tipo genetico

Da Carne Le razze da carne come la Piemontese, la Charolaise, la Limousine, la Blu Belga, la Blonde d’Aquitaine producono una carne più tenera e gustosa, con una grana più fine e meno grasso di copertura.
Da Latte Le razze da latte sono meno adatte alla produzione di carne. In effetti, producono una carne meno pregiata e più grassa che durante la cottura perde maggior quantità di liquidi. Sono per esempio in Italia la Frisona o la Bruna.

Il sesso

Femmina La femmina è generalmente più tenera ma anche un poco più grassa con un sapore più delicato.
Maschio I maschi sono animali più grossi delle femmine e di solito la carne è meno tenera e più gustosa.

L'Età 

Giovane La carne di un bovino giovane è chiara e più tenera. Corrisponde alla categoria merceologica di Vitello.
Adulto La carne di un adulto è più saporita perché più matura e di un colore più intenso. Contiene più proteine e più Ferro rispetto alla carne di vitello a carne bianca. Corrisponde alla categoria merceologica di Bovino Adulto o Vitellone.

La Categoria: conformazione e stato di ingrasso

Esiste una griglia europea per dare un voto alle carcasse bovine sulla quantità e la forma dei muscoli: SEUROP. La S vuole dire una carcassa ottima con il carattere della doppia groppa. E e U sono buoni. Dalla O, il voto è basso, l’animale non è molto adatto alla produzione di carne, si tratta soprattutto di razze da latte.
La griglia per giudicare lo stato di ingrasso è 5-4-3-2-1. 5 è troppo grasso, 2 e 1 non abbastanza per produrre una carne tenera e gustosa.



ORGANIZZAZIONE PRODUTTORI CARNE PIEMONTE S.C.C. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento