METEO.IT
              

METEO.IT

Allevamenti Bovini

Le razze da carne

Le numerose razze bovine riflettono tutta la varietà delle nostre campagne europee e costituiscono un patrimonio insostituibile per la sua ricchezza e il suo valore. In Europa vengono allevate diverse razze bovine, ognuna legata ad un habitat (suolo, altitudine, clima, ecc.) particolare e una qualità dei foraggi specifica. Distinguiamo tre tipi di razze bovine:

  • Le razze da carne sono specializzate nella produzione di carne. Troviamo le razze bianche italiane (Piemontese, Chianina, Romagnola, Marchigiana, Maremmana, Podolica) ma anche altre razze come la Charolaise, la Blonde d'Aquitaine, la Blu Belga, la Limousine, l'Aubrac, la Salers, provenienti da altri paesi europei e allevate anche in Italia.
  • Le razze da latte sono allevate per la produzione di latte. Troviamo per esempio la Frisona, la Bruna ed altre.
  • Le razze a duplice attitudine sono apprezzate sia per la loro produzione di latte che di carne. Possiamo citare per esempio la Montbéliarde, la Simmenthal o le pezzate rosse italiane.


Le razze specializzate nella produzione di carne danno una carne migliore dal punto di vista organolettico, più tenera, più gustosa con una grana più fine e meno grasso di copertura.

Oltre alle razze pure, esistono anche degli incroci tra razze, per aumentare ancora la qualità degli animali. Per esempio la madre può essere di razza Charolaise e il padre di razza Aubrac. Alcuni allevatori scelgono di incrociare queste due razze per migliorare la qualità del vitello, così hanno un vitello con un gran potenziale di crescita e un peso minore alla nascita per evitare alla vacca di faticare al parto. Questo animale è di un'eccezionale qualità.

Altri allevatori di vacche da latte scelgono di utilizzare seme di un toro da riproduzione di una razza da carne per migliorare le qualità del vitello che potrà essere poi utilizzato per la carne. Si tratta per esempio di allevatori di razza Frisona, vacche da latte, che incrociano con un toro di razza Piemontese.

Il vitello che ne deriva viene denominato comunemente dagli allevatori "Meticcio" ed ha delle qualità paragonabile alle migliori razze da carne in purezza. Adesso vi presentiamo alcune di queste razze pregiate, sapendo che esistono anche degli incroci tra di loro:

Piemontese

La razza bovina Piemontese è una razza da carne di taglia media specializzata da carne con ottimi indici di trasformazione e altissime rese alla macellazione. Ha origini antichissime risalenti addirittura al periodo paleolitico medio cioè circa 25/30.000 anni fa. La popolazione conta oggi circa 150.000 vacche allevate prevalentemente in Piemonte. Di queste, circa 30.000 vengono condotte ogni anno sugli alpeggi per tutto il periodo estivo.

Classificata inizialmente a triplice attitudine (lavoro, latte, carne), la Piemontese è oggi la prima razza autoctona specializzata nella produzione di carne in Italia. La carne, di ottima qualità, unisce una particolare magrezza, una tenerezza superiore alla media ed un colore rosso vivo tipico della razza.

I vitelli alla nascita presentano un mantello fromentino carico, mentre quello degli adulti è bianco o fromentino chiaro con sfumature fino al grigio. La razza Piemontese ha come caratteristiche la groppa doppia e l’estrema finezza della pelle e dello scheletro che consentono un’elevata resa alla macellazione.


La Blonde d’Aquitaine

La Blonde d’Aquitaine è una razza bovina da carne di taglia grande originaria delle regioni del sud – ovest della Francia. E’ il risultato della fusione di tre sottorazze: la Garronaise, la Quercy e la Blonde des Pyrénees. Negli anni la Blonde d’Aquitaine è diventata una delle razze da carne più apprezzate al mondo per il gran numero di tagli pregiati e l’ottima qualità organolettica del prodotto.

La popolazione contava nel 2000 circa 600.000 vacche nutrici, di queste circa 60.000 inserite nei piani di miglioramento genetico della razza. Inizialmente allevata quasi esclusivamente nel suo bacino di provenienza, oggi si è sviluppata in molte regioni francesi ed in particolare nella zona nord – ovest del Paese tra le regioni Pays de Loire, Bretagne e Normandie.





La Limousine

La razza Limousine è originaria del “Limousin”, regione francese sul lato Ovest del Massiccio Centrale, zona ricca di pascoli con un clima rigido in inverno. Quest’ambiente spiega la rusticità della razza che viene spesso allevata allo stato brado, nei pascoli la maggior parte dell’anno.

Negli ultimi decenni, si è espansa in altre regioni ed è oggi presente in 64 paesi, sui cinque continenti!
Solo in Francia contiamo circa 1.000.000 di vacche Limousine.

La Limousine è la razza che è riuscita a combinare un’ottima predisposizione per la produzione di carne mantenendo ottime qualità materne (fertilità, longevità, facilità di parto). È infatti molto importante per una razza specializzata nella produzione di carne avere anche buone caratteristiche di riproduzione per il mantenimento della razza stessa.




La Charolaise

Nata vicino a Charolles, piccolo paese della Borgogna (Francia), la razza Charolaise è la prima razza bovina da carne in Francia con circa 1.800.000 vacche. I bovini di razza Charolaise sono sparsi su tutto il territorio francese ma li troviamo soprattutto a Nord-Est del Massiccio Centrale e vicino all’Atlantico dove ci sono tanti pascoli.

Eccellente razza da carne, la Charolaise è dotata di un forte potenziale di crescita e un’importante capacità di ingestione che gli permette di valorizzare al meglio i pascoli. Per quanto riguarda le qualità materne, la Charolaise si distingue per una percentuale relativamente elevata di parti gemellari e una buona produzione di latte.



La Blu Belga

Numero uno in Belgio, la razza Blu Belga rappresenta un totale di circa 50.000 vacche. Questa razza è una delle migliori razze da carne a livello mondiale per il suo sviluppo muscolare eccezionale lungo tutto il corpo. La Blu Belga è in effetti caratterizzata dal carattere “doppia groppa”.

inizialmente nata come razza a duplice attitudine, la Blu Belga è diventata, a seguito di un’accurata selezione genetica, una razza specializzata nella produzione di carne, questo allo scopo di corrispondere le esigenze del consumatore belga che normalmente ricerca tagli pregiati, teneri e con poco grasso. Oggi, la Blu Belga è presente anche in Francia e in altri paesi come l’Italia dove le sue qualità sono riconosciute dai consumatori.

Il primo parto avviene ad un’età media di 32 mesi. Il vitello nasce con un peso elevato (49 kg i maschi e 45 kg le femmine) e con una straordinaria conformazione; per questo il parto naturale è sempre più raro.

ORGANIZZAZIONE PRODUTTORI CARNE PIEMONTE S.C.C. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento