METEO.IT
           

METEO.IT
 

CARNE BOVINA, AL VIA L'SQN

Si è svolto venerdì 1° aprile, all'interno della rassegna Agriumbria, l'importante convegno organizzato dal settimanale "L'informatore zootecnico" e dal consorzio "L'Italia Zootecnica" che aveva come tema principale il lancio del nuovo Sistema di Qualità Nazionale in Zootecnia che è ormai in procinto di essere varato dal Ministero delle politiche agricole.

L'apertura dei lavori è stata affidata a Roberto Buratto presidente di Asprocarne, nonché vicepresidente del consorzio "L'Italia Zootecnica", che nel suo intervento ha portato i saluti del presidente Barbisan, assente per motivi istituzionali, e ha voluto rimarcare come l'attuale crisi che sta attraversando la zootecnia italiana potrà essere risolta solamente attraverso un piano di rilancio che preveda l'istituzione di un marchio nazionale identificativo della carne bovina prodotta in Italia.

Gli interventi tecnici successivi hanno approfondito la tematica centrale dell'evento approfondendo temi di assoluto interesse quali: il contesto economico attuale e gli strumenti per competere (relazione del prof. Samuele Trestini dell'Università di Padova), le novità in merito alla riforma di medio termine della PAC 2020 (prof. Angelo Frascarelli dell'Università di Perugia) e le azioni di marketing legate allo sviluppo del marchio nazionale (Giuliano Marchesin, direttore del consorzio "L'Italia Zootecnica").

La chiusura dei lavori è stata affidata al dott. Giovanni di Genova, capo segreteria tecnica del dipartimento politiche della qualità del Ministero delle politiche agricole, il quale ha per la prima volta relazionato in merito al funzionamento del nuovo Sistema di Qualità Nazionale in Zootecnia in base ai decreti ministeriali e ai disciplinari di produzione approvati dalla Commissione europea.

La buona notizia, che da tempo tutti quanti aspettavamo, è che, entro la fine di aprile, il Ministero emanerà il decreto attuativo sull'SQN che darà finalmente il via ufficiale al sistema e al marchio nazionale per dare "un nome" alla carne bovina prodotta in Italia.




ORGANIZZAZIONE PRODUTTORI CARNE PIEMONTE S.C.C. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento